giovedì 28 gennaio 2016

'Cinema senza barriere' continua a Roma

Domenica 24 gennaio alla Casa del Cinema di Roma ha avuto inizio «Cinema senza barriere - La prima rassegna di cinema contemporaneo dedicata alle persone sorde». Grazie al supporto di Istituto Luce – Cinecittà e in collaborazione con l’Ente Nazionale per la Protezione dei Sordi – Sezione Provinciale di Roma, per quattro domeniche il nuovo cinema italiano si rende accessibile alle persone sorde, con la partecipazione di autori, attori e tecnici. I film, selezionati su indicazione dell’ENS, saranno sottotitolati e sarà disponibile il servizio di interpretariato LIS. Il primo film della rassegna, aperta anche al pubblico nei limiti dei posti disponibili, è «Gli ultimi saranno ultimi» di Massimiliano Bruno: tratto dall’omonimo testo teatrale scritto dal regista, coinvolge tre interpreti d’eccezione come Paola Cortellesi, Alessandro Gassman e Fabrizio Bentivoglio, impegnati in una drammatica vicenda sulla crisi lavorativa che minaccia la nostra società. Seguirà il 28 febbraio «Alaska» di Claudio Cupellini con un memorabile Elio Germano alle prese con un’esistenza fuori dall’ordinario. Il 13 marzo è la volta di «Lo chiamavano Jeeg Robot» di Gabriele Mainetti: Claudio Santamaria incarna Enzo Ceccotti che entra in contatto con una sostanza radioattiva. A causa di un incidente scopre di avere un forza sovraumana. Ombroso, introverso e chiuso in se stesso, accoglie il dono dei nuovi poteri come una benedizione per la sua carriera di delinquente. Tutto cambia quando incontra Alessia, convinta che lui sia l'eroe del famoso cartone animato giapponese Jeeg Robot d'acciaio. Chiuderà l’8 maggio «Chiamatemi Francesco» di Daniele Luchetti: la storia di Bergoglio, come metafora di un mondo diviso fra chi distoglie lo sguardo e chi sceglie di vedere, ricostruita attraverso la sua volontà di «fare quel che si può fare». I film, messi a disposizione da Cinecittà – Istituto Luce con il supporto delle case produttrici e distributrici, sono stati scelti, su indicazione dell’Ente Nazionale per la protezione dei sordi, tra quelli oggi promossi nel mondo e selezionati dai festival internazionali. Il progetto è stato annunciato e condiviso presso la Casa del Cinema da Giuseppe Petrucci, presidente dell'Ente Nazionale Sordi, Roberto Cicutto, presidente e AD Istituto Luce Cinecittà e Giorgio Gosetti, direttore della Casa del Cinema.
«Pensiamo che appartenga ai compiti della Casa del Cinema – ha dichiarato, infatti, Giorgio Gosetti – offrire servizi nella linea dei supporti all’accessibilità e mettere in valore anche il cinema italiano più recente creando le condizioni perché anche comunità di pubblico abitualmente escluse dalla fruizione possano apprezzare il lavoro degli autori, degli interpreti e dei tecnici che oggi danno luce al nostro cinema. Siamo grati a Istituto Luce – Cinecittà per aver lanciato quest’idea e per sostenerla con un impegno concreto, ma ancor più all’Ente Nazionale per la Protezione dei Sordi che ha scelto di collaborare con noi aprendo a Roma uno spazio del tutto inedito». Le proiezioni avranno luogo la domenica mattina alle ore 11.00 nella Sala Deluxe e saranno gratuite con accesso alla sala fino ad esaurimento dei posti disponibili Il programma completo è consultabile sul sito www.casadelcinena.it.

Tiberia De Matteis, Il Tempo